Sussidiario per immagini

Il progetto Progetto Sussidiario per Immagini, finanziato dal MIUR ai sensi dell’art. 3, co. 1 del D.M. 1 settembre 2016 n.663; nasce come azione per l’inclusione  presso il CTS di Novara, da un’idea promossa e condivisa di :

Francesco Fusillo – insegnante Formatore esperto in nuove tecnologie inclusive
Simona Mondelli – referente del Cts di Novara.

con il contributo di Oscar Pastrone responsabile del progetto OpenlabAsti e la collaborazione di Antonietta di Fonzo del CTS di Ferrara e delle Logopediste Mariagrazia Migliazza ed Emanuela Todaro.

Il progetto viene concepito per diffondere l’utilizzo di strumenti nati nel mondo della CAA e che si sono rivelati, oltre che possibilità per nuove opportunità comunicative per i soggetti che non hanno raggiunto o hanno perso l’efficacia della comunicazione verbale, anche un ottimo supporto per la didattica.
Offrire un supporto visivo a soggetti che hanno bisogni speciali (difficoltà comunicativa, fragilità o deficit cognitivo, stranieri,…) permette un’occasione facilitata di accesso al mondo della conoscenza anche quando la letto-scrittura non è presente o non è sufficiente a supportare gli apprendimenti.
 
A scuola prima si insegna a leggere e scrivere e poi si imparano argomenti, temi e conoscenze, la nostra osservazione è che le conoscenze non possono attendere la capacità di leggere e scrivere, le conoscenze servono allo sviluppo delle intelligenze, alle relazioni e allo sviluppo dei processi mentali, per cui prima riuscimo a passare conoscenze, oltre che la comunicazione dei bisogni primari, e prima permettiamo ai ragazzini di sviluppare  capacità di proprio processo cognitivo.

E’ nostra convinzione che dalla CAA ( Comunicazione Aumentativa Alternativa) o dalla Comunicazione Aumentativa associata a quella testuale si possono  passare informazioni e consocenze e facilitare la acquisizione di competenze, per questo l’azione di progetto si è sviluppata fra formazione all’utilizzo dei pittogrammi e sviluppo di strumenti per la messa a disposizione gratuita del lavoro didattico degli insegnanti  partecipanti.

Il progetto non intende proporre progetti comunicativi per i quali è indispensabile un’equipe riabilitativa ed educativa competente, ma vuole essere un’occasione di supporto alla tradizionale didattica in un’ottica di maggiore possibilità d’inclusione ed opportunità di conoscenza.

Obiettivo del progetto  “Sussidiario per Immagini”  è stato ed è realizzare tavole didattiche su argomenti di “scuola” attraverso la CAA con  l’utilizzo di pittogrammi liberi da copyright, con applicazioni  di libero utilizzo; tavole e strumenti a disposizione di scuole, educatori, genitori, insegnanti e ragazzini.

In realtà il progetto “ Sussidiario per Immagini” ha avuto più obiettivi connessi e indispensabili per la impostazione e riuscita della azione in progetto

Formare gli insegnanti :

  • competenze multifocali nel campo digitale
  • saper declinare gli argomenti per informazioni essenziali precise
  • saper conversione un testo autoprodotto in frasi per immagini
  • sponsorizzare lo sviluppo di una piattaforma web per la realizzazione e impaginazione delle tavole in CAA SIMCAA

Aprire piste di cooperazione fra mondo scuola e mondo riabilitativo ( cooperazione con logopediste)

Impostare la piattaforma web sussidiarioperimmagini per la libera condivisione delle tavole realizzate aperta a future cooperazioni  

Promuovere il progetto ARASACC per l’utilizzo dei servizi e del parco pittogrammi liberi.

Ogni insegnante nella sua classe è un  editore didattico di conoscenza, con il progetto “ sussidiario per immagini”, progetto che resta aperto alla collaborazone e alla implementazione, si è cercato e si cerca di portare i colleghi che utilizzano e utilizzeranno la CAA con i pittogrammi ARASACC e la piattaforma SIMCAA a condividerne i prodotti, e permettere alla comunità di avvalersi di una grande risorsa di materiali ed esperienze scolastiche e non solo.
     
Francesco Fusillo e Simona Mondelli

Sussidiari e Testi scolastici trasformati in CAA

Il progetto viene concepito per diffondere l’utilizzo di strumenti nati nel mondo della CAA e che si sono rivelati, oltre che possibilità per nuove opportunità comunicative per i soggetti che non hanno raggiunto o hanno perso l’efficacia della comunicazione verbale, anche un ottimo supporto per la didattica. Offrire un supporto visivo a soggetti che hanno bisogni speciali (difficoltà comunicativa, fragilità o deficit cognitivo, stranieri,…) permette un’occasione facilitata di accesso al mondo della conoscenza anche quando la letto-scrittura non è presente o non è sufficiente a supportare gli apprendimenti.

Il progetto non intende proporre progetti comunicativi per i quali è indispensabile un’equipe riabilitativa ed educativa competente, ma vuole essere un’occasione di supporto alla tradizionale didattica in un’ottica di maggiore possibilità d’inclusione ed opportunità di conoscenza.

Nuovi Post del Blog

Partner del Progetto

©2019 Progetto condivisione documenti CAA, info@openlabasti.it

Search

Informativa Cookies/Prvacy e GDPR Approfondisci